Guida al piatto autolivellante della Stampante 3D

Modificare il firmware e la meccanica di una stampante 3D per rendere il piatto autolivellante è una procedura abbastanza semplice e ci toglie il problema di dover controllare (o livellare) il piatto ogni volta che togliamo il vetro e lo rimettiamo. La procedura che segue è valida per una stampante che lavori con un firmware Marlin o derivati. L’occorrente per eseguire la modifica: un piccolo mini-interruttore come quello per l’end-stop dell’asse z, al limite potete smontare e usare quello (tanto non servirà più), un piccolo servomotore che faccia almeno 90° di spostamento, un piccolo cavallotto (jumper) per schede elettroniche, qualche cavetto elettrico lungo come quelli dell’hot-end, qualche piccola vite. Continua a leggere

Spegnere il PC con Ubuntu tramite il tasto Power

Spesso mi chiedo se certe cose sono solo un mio problema o fissazione. Trovo sia molto comodo poter spegnere il PC con Ubuntu (12.04 nel mio caso) tramite la pressione del tasto power, il pulsantone che si usa per accenderlo per essere chiaro. Non parlo del tenerlo premuto per tot di secondi per un arresto di emergenza, cosa assolutamente sconsigliata tra l’altro, ma di un normale spegnimento come dal menù del desktop o con il comando shutdwon da terminale. Su windows questa possibilità è già impostata di default. Bene, per impostarla anche su linux Ubuntu è semplicissimo basta modificare il file /etc/acpi/events/power con la seguente istruzione action=/sbin/shutdown -h now Il comando che normalmente si usa per arrestare il sistema da terminale viene così assegnato all’evento della pressione del tasto power, se si vuole provare subito il suo funzionamento è necessario riavviare il servizio acpid con il seguente comando da terminale: sudo acpid restart mentre dalla prossima volta che accendiamo il PC non sarà più necessario.

Basic Stamp, Arduino, Raspberry e simili

E’ molto in voga la prototipazione su schede elettroniche come arduino e simili. Anni indietro era uscito un corso a fascicoli in edicola della DeAgostini, il titolo era “Costruisci e programma il tuo Robot”, amichevolmente era stato denominato “Robot panettone” per via del suo aspetto non proprio……. gradevole. Questo si basava già su una scheda come quelle in voga adesso, era la Basic Stamp Bs2, prodotta da Parallax. Parallax produce ancora queste schede, le più recenti sono più performanti ora rispetto a quelle degli anni passati. Essendo interessato alla scheda Arduino, ho provato a riprodurre (con successo) molti degli esperimenti che vengono proposti con quest’ultima, lasciamo stare l’accensione di un led che mi sembra abbastanza banale, voglio farvi vedere qualche cosa di più articolato. Dopo il primo video introduttivo dove mostro la configurazione del robot (ormai non più panettone), approfondirò un pochino l’argomento.

Continua a leggere